SRS SI E' TRASFERITO

I SITI DI RAFFAELLA DI MARZIO SONO STATI TRASFERITI SUL NUOVO SITO

SPIRITUALITA' RELIGIONI E SETTARISMI

VISITALO E ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

sabato 2 giugno 2012

Convegno CESNUR 2012

El Jadida, Morocco, 20-22 September 2012
Chouaîb Doukkali University

Dal 20 al 22 Settembre 2012 si svolgerà l'annuale Convegno Internazionale  organizzato dal CESNUR e co-organizato con l'Intercultural Studies and Research Laboratory (URAC 57), il Moroccan Culture Research Group (MCRG) presso l'Università di  Chouaîb Doukkali in  Marocco, e l' International Society for the Study of New Religions.


El Jadida

Il tema è: Religion in a Globalized Context: The Mediterranean and the World. I contributi riguarderanno ambiti di studio ad ampio raggio: i movimenti nell'Islam, il pluralismo religioso in Corea, Il Buddismo e le religioni africane nel contesto della globalizzazione, la Chiesa dell'Unificazione, l'Islam nell'occidente, controversie in Giappone e negli Stati Uniti, l'Esoterismo, Pluralismo e Dialogo, Il Mormonismo nella attuale campagna per la candidatura di un mormone a Presidente degli Stati Uniti, i contributi della psicologia alla ricerca e allo studio sui culti.


Il mio contributo è stato inserito nella sessione denominata Religious Movements, Mainline Religion, and Society: Perspectives and Controversies e riguarderà la metodologia di approccio ai conflitti attraverso la mediazione. Un tema di cui ho già parlato al precedente convegno ICSA (International Cultic Studies Association) a Barcellona e sul quale ho scritto un contributo più articolato rispetto ai pochi minuti di presentazione disponibili durante un Convegno.

Ciò che vorrei, tuttavia, sottolineare in questo convegno, e che ho fatto presente anche nel mio libro  quando fu pubblicato, un paio di anni fa, è che a questo Convegno del CESNUR è presente anche una sessione richiesta dall'ICSA (International Cultic Studies Association) che è stata accettata dal direttivo del CESNUR e che si svolgerà venerdì 21 settembre. Vi parteciperanno, oltre alla sottoscritta che fungerà da moderatrice, tre esponenti spagnoli i quali presenteranno contributi sugli abusi nei gruppi, il processo di uscita e la risoluzione dei conflitti familiari.


La presenza di rappresentanze dell'ICSA ai convegni del CESNUR e viceversa è uno degli aspetti più interessanti del tentativo di dialogo che da anni si è instaurato tra i due "fronti". Grazie alla presenza di esponenti - che hanno diverse opinioni sul problema "sette" - negli stessi convegni, è possibile realizzare incontri personalizzati e confrontarsi sulle questioni di merito per cercare di comprendersi meglio e soprattutto di superare i pregiudizi vicendevoli.


Nel mio libro sottolineavo, e ribadisco ancora a distanza di due anni, che purtroppo in Italia non solo non esiste alcun tentativo di dialogo tra i diversi fronti  ma esiste, addirittura, una incapacità settaria di tollerare il dissenso che si manifesta anche verso chi fa parte dello stesso "fronte".

La più grande organizzazione che si occupa di aiuto e ricerca in questo settore, l'ICSA, al suo interno racchiude persone che hanno opinioni e modalità diverse di affrontare lo studio del fenomeno settario e queste diversità vengono valorizzate e discusse nei convegni o in articoli scientifici pubblicati dall'organizzazione, dove ognuno presenta la sua esperienza e le sue idee e chiunque è libero di confutare, criticare le idee degli altri e proprorre altre vie di soluzione.

Durante i Convegni internazionali, e anche al di fuori di essi, tra i diversi studiosi  si svolgono spesso discussioni accese sulle questioni di merito, ma esse rimangono semplicemente controversie nate in un contesto di ricerca scientifica, e la finalità della, eventuale, polemica discussione è quella di fornire all'altro informazioni ed esperienze che non ha per collaborare a promuovere una  conoscenza più approfondita del fenomeno di cui ci si interessa.
Per questo motivo la partecipazione a questi Congressi è sempre una occasione di crescita personale e culturale che raccomando specie ai giovani che intendono intraprendere questo filone di ricerca nei loro studi.














Nessun commento: