SRS SI E' TRASFERITO

I SITI DI RAFFAELLA DI MARZIO SONO STATI TRASFERITI SUL NUOVO SITO

SPIRITUALITA' RELIGIONI E SETTARISMI

VISITALO E ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

giovedì 1 marzo 2012

Inchiesta su 'Chiesa e sette' a LA7


 "Gli Intoccabili" (LA7) 

29 FEBBRAIO 2012



 GUARDA LA TRASMISSIONE ("CHIESA E SETTE" PRIMA E SECONDA)




"Gli Intoccabili" (LA7) è una trasmissione condotta da Gianluigi Nuzzi

La puntata del 29 febbraio 2012, nella seconda parte, ha affrontato il caso di una donna, definita "santona", che opera a Biella. 

Dopo il servizio sul caso di questa donna, sono stata intervistata sia su di esso che su tematiche più generali. 

Si è parlato dei "gruppi cattolici di frangia" e dell'atteggiamento del Magistero di fronte a questo fenomeno, che nasce all'interno della Chiesa cattolica, della differenza tra minoranze religiose e "sette", delle statistiche sull'incidenza del fenomeno, dei pericoli a esso collegati e del "plagio".

Al termine dell'intervista il conduttore ha presentato il mio ultimo libro Nuove religioni e sette. La psicologia di fronte alle nuove forme di culto. MA.Gi. Edizioni Scientifiche, Roma 2010.





4 commenti:

Sal ha detto...

“Dedicato al sapiente che sa di non sapere e ha il coraggio di riconoscerlo”

Domande semplici per risposte semplici a chi studia il fenomeno delle sette:

1.Perchè quando arrivano i terremoti cadono anche le chiese ? Dio non sa proteggere la sua casa ?

2.Perchè dicono che Maria è vergine ma scrivono che ha avuto i figli di cui il Vangelo dice che sono i fratelli di Gesù ? Se fossero cugini dovrebbero tradurre cugini non figli.

3.Perchè dicono che Gesù disse di bere il suo sangue se c’è scritto che nel calice c’era il vino ? come avrebbero potuto farlo se non era ancora morto ? E quelli che sarebbero venuti dopo ?

4.Perchè dicono che Dio è una trinità se il vangelo dice che “il figlio fu dichiarata tale solo dopo la sua morte ? (Rm 1.4)

5. Se il Figlio è divenuto “Sommo Sacerdote” (Ebrei 7.24) non può essere sacerdote di se stesso !

6. Tra ragione e fede deve predominare la Ragione, ma i matti, come fanno a “conoscere” Dio se non ragionano ?

7.Se gli aborti sono “persona” perché non gli fanno il funerale ?

8. Se i cristiani ricevono lo Spirito Santo, perché gli apostoli l’hanno avuto due volte ? ( Gv. 20.22 Atti 2.4)

9.Se Giovanni Battista è l’uomo più grande mai nato da donna è più grande di Maria ?

10.Vendendo libri sulle sette si fanno i soldi ?

Raffaella Di Marzio ha detto...

Gentile signore,

la ringrazio per queste interessanti domande.
Le risposte che potrei dare sono risposte che lei non condividerebbe poichè apparteniamo a religioni diverse.

La Sacra Bibblia può essere tradotta e interpretata in molti modi e per questo esistono diverse confessioni e migliaia di chiese diverse all'interno di ogni confessione.

Io appartengo alla confessione cattolica, lei, probabilmente, appartiene alla Congregazione dei Testimoni di Geova.

Abbiamo credenze diverse ma siamo entrambi persone degne di rispetto.

Rispondo invece molto volentieri alla sua domanda:

"Vendendo libri sulle sette si fanno i soldi?"

Purtroppo per me devo risponderle di no. Pubblicando il mio libro "Nuove religioni e sette" non ho percepito neanche un euro.

Spero che le persone lo acquistino perchè credo sia utile per diffondere una corretta informazione. A proposito: non ho percepito alcun compenso neanche per l'intervista, se dovesse interessarle anche questa informazione.

Tuttavia ho molto apprezzato i giornalisti che mi hanno contattato e il conduttore, persona di ottima cultura e competente nel suo campo.

Dunque mi ritengo soddisfatta di aver partecipato, anche se non sono stata retribuita.

Grazie per l'attenzione

Raffaella Di Marzio

Anonimo ha detto...

Nella trasmissione gli intoccabili, lei dice:

"non abbiamo strumenti scientifici per misurare il grado di plagio praticato sulla persona".

Con quale criterio subito dopo afferma :
" esistono vari livelli di manipolazione mentale
1 livello tentivo di persuasione
2 vari livelli intermedi
3 livello massimo ?

se per lei il livello minimo -massimo di manipolazione esiste com'è riuscita a stabilirlo? e quali sono le conseguenze subite a livello minimo e massimo?

secondo lei, quali sono stati gli strumenti scientifici e legislativi poi , per misurare lo stalking?
ad esempio:
1 livello una persona invadente
2 vari livelli intermedi
3 persecuzione

oppure sono stati usati altri strumenti scientifici ??
GRAZIE

Raffaella Di Marzio ha detto...

Gentile signore, quando dico
che la manipolazione si può verificare con diversa intensità intendo dire che tutto è manipolazione.

Infatti durante la trasmissione "scherzando" con il conduttore gli ho detto che, in quel momento, anche io stavo cercando in qualche modi di "persuaderlo", di "manipolarlo" per convincerlo che la mia opinione è quella giusta.

Quel livello di manipolazione è "lieve" nel senso che la usiamo nella vita quotidiana, come quando uno spot pubblicitario cerca di convincerci a comprare un prodotto. Non è che si può misurare come si fa con un termometro per la febbre.

Esiste e la pratichiamo tutti.

Ci sono forme di manipolazione più intense che si praticano in tutti i gruppi sociali religiosi e non religiosi.

Inculcare il senso di colpa in una persona per convincerla a non fare più qualcosa che le piace fare perchè è "peccato", e se continua a farlo potrebbe "andare all'inferno" è una forma di manipolazione/persuasione più intensa.

Quando si comincia a indurre sensi di colpa, fobie, a generare timori per pericoli inesistenti allora la manipolazione aumenta di intensità, ma questo avviene in tutti i contesti e non solo nelle sette.

Anche in questi casi, tuttavia, se è evidente che c'è qualcuno che sta cercando di manipolare qualcun altro nessuno può sapere quanto la "vittima" è veramente tale e quanto invece sia alla fine convinta che quello che sta facendo o che sta evitando di fare è una sua scelta personale. L'ambito della scelta personale appartiene solo alla persona.

La psicologia non mette in discussione il fatto che nei gruppi umani ci siano dei fenomeni di manipolazione e di influenza. Questo è un fatto assodato. La psicologia studia questo fenomeno per verificarne l’incidenza e i fattori che aumentano il grado di influenza dell’uomo sui suoi simili. E' anche assodato che esistono situazioni in cui gli esseri umani possono approfittare di altri esseri umani per ridurli in schiavitù psicologica.Tutto questo è stato ed è oggetto di ricerche scientifiche da molti decenni e non viene messo in dubbio.

Quello che non è mai stato affermato è che nei gruppi settari (religiosi e non) ci siano dei meccanismi particolari e del tutto diversi rispetto a quelli che sono attuati negli altri gruppi umani. I meccanismi di influenza indebita sono gli stessi in tutti i gruppi anche se in ogni contesto vengono utilizzati con modalità diversificate.

Gli studi sulla persuasione coercitiva dicono che ci sono alcune caratteristiche delle situazioni in cui quest'ultima si verifica, ma si riferiscono a casi di prigionia, privazione del sonno, del cibo, alla tortura, circostanze durante le quali le persone vengono sottoposte anche a pressioni psicologiche.

Le conseguenze gravi di questo tipo di persuasione coercitiva possono arrivare anche a veri e propri disturbi come la dissociazione.

La persuasione coercitiva è, però, anche quella che praticano i genitori quando mandano per forza al catechismo i loro figli che vorrebero stare a casa a guardare la televisione.

Questo è un esempio di livello minimo. Il livello massimo è prendere una persona imprigionarla torturarla lasciarla senza cibo, al buio, impedirle di dormire e cercare di costringerla a dire, pensare o fare qualcosa che non vuole fare.

Se è interessato ad approfondire può riferirsi alla bigliograia che ho pubblicato a questo indirizzo:

http://www.dimarzio.it/srs/modules/mydownloads/singlefile.php?lid=190

Le consiglio inoltre di leggere questo libro:

Hood, R.W., Spilka, B., Hunsberger, B., & Gorsuch, R. (1996). Psychology of religion. An empirical approach (2 ed.). New York: Guilford Press. Trad..it. Psicologia della religione. Prospettive psicosociali ed empiriche. Torino: Centro Scientifico Editore, 2001.